Spedizione gratuita da 50€ in Italia e 100€ in Europa

Michele Minessi è un ciclista. Punto. È uno a cui piace semplicemente pedalare partendo da casa o da poco lontano. Le sue avventure se le cerca in quegli spazi che tutti guardiamo passando veloci in autostrada. Anche lui vede quegli spazi scorrere veloci, ma ne prende nota e poi ci torna in sella alla sua bicicletta, con le borse Miss Grape cariche di tante cose, ma soprattutto di buon cibo e di una immancabile bottiglia di vino.
Un orso di media montagna, di quelli che si perdono tra gli alberi, che amano la solitudine, che rifuggono i raduni, le gare e la socialità che molto spesso è anche sinonimo di movimento Gravel. Non è un solitario, ma un selettivo. Perchè se devi perderti in una valle di montagna a 50 km dalla prima casa, meglio farlo con qualcuno a cui devi spiegare nulla, soprattutto non devi giustificare la tua idea di come siete finiti lì. Ci volevate andare e basta.

Perchè per Michele non è importante il tempo o la meta, ma tutto quello che si vive durante il percorso, meglio ancora se condiviso con un paio di amici di quelli giusti, di quelli a cui non devi neanche parlare perché capiscono già tutto al primo sguardo. Non ama raccontare le sue avventure, ama viverle e fotografarle, cercare di trasmettere tramite immagini ferme le sue sensazioni… e il più delle volte ci riesce davvero bene. Ama arrivare in cima a una montagna, fermarsi a dormire da solo dove non c’è nessun altro e vedere dall’alto le luci della montagna. Guarda in basso e pensa alle persone che si stanno divertendo in compagnia e si chiede se siano loro a sbagliare oppure se sia lui lui l’unico a non capire.

La passione per scoprire le piccole avventure che circondano casa sua è nata fin da subito, da bambino scappava nel bosco a costruire fortini e inventarsi battaglie con gli esseri immaginari che abitavano a pochi passi da casa, poi ha scoperto la bici e l’esplorazione su due ruote ha avuto inizio.

E’ stato un amore travolgente, ma non monogamo. Perché in piena adolescenza c’erano altre cose da fare, le discoteche, le feste, la musica e la bici prendeva polvere, ma col tempo la polvere è diventata sempre meno e Michele ha iniziato a scegliere la bici come sua compagna di vita, ogni giorno per andare al lavoro, ogni giorno per salire “a baita” dopo il lavoro, spingendo i pedali sempre un po’ più in là, senza fermarsi più.
Passa la sua giornata a pensare a cosa fare in bici, dove andare in bici. Programmare la gita, dove piazzare la tenda, dove fare bivacco, cosa mettere nelle borse e quale sia il metodo migliore per caricare le borse.

Gravel, enduro, strada, qualsiasi disciplina è la sua disciplina e se non c’è la bici ci sono le scarpe da montagna che lo portano sempre in alto, sempre a guardare quelle lucine in basso e ancora a chiedersi chi stia davvero sbagliando. Dentro di lui, però, la risposta è ovvia, perché niente al mondo potrebbe trattenerlo dall’uscire dalla porta di casa e farlo salire in bici per andare a scoprire un altro sentiero, un altro angolo così vicino che riesce a portarti così lontano. Perché le avventure per essere tali non devono essere lontane, ma devono portare il tuo spirito lontano.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Close

Sign in

Miss Grape | Bikepacking Bags

Borse da Bikepacking – fatte a mano in Italia